Home

Newsletter Filca-cisl PU

Iscriviti alla newsletter filca-cisl Pesaro e Urbino

Nome:

Email:

Contatori Visite


Visitatori:0
Visite in questo mese:555
Visite totali:25646

Filca Media

  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
IL Governo prende in giro gli italiani sulle accise PDF Stampa E-mail
Scritto da Giovanni   
Lunedì 28 Marzo 2011 08:25

 

 

 

ENERGIA 

Sulle accise
il Governo prende in giro gli italiani

"L'aumento delle accise sui carburanti per finanziare il Fus è una presa in giro per gli italiani in un momento in cui i carburanti sono alle stelle". Lo ha dichiarato ieri il Segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni a margine dell'incontro svoltosi al ministero dello Sviluppo tra il ministro Romani e i sindacati sulle energie rinnovabili, commentando la decisione del governo di aumentare le accise sui carburanti. "Il Governo sta prendendo in giro gli italiani - ha ribadito - piuttosto che tagliare le accise le aumenta mentre aveva promesso di tagliarle qualora il petrolio fosse arrivato sopra i 70 dollari al barile: ora siamo molto oltre e chiediamo perciò il taglio delle accise. Stanno facendo la manomorta sui cittadini"- ha concluso.


Il Segretario della Cisl si poi espresso in merito alla necessità di "riprogrammare gli incentivi per il settore delle energie rinnovabili:"Siamo i piu' dipendenti al mondo dagli idrocarburi, con quello che ci costa in termini economici e ambientali. Il settore delle energie rinnovabili, che coinvolge 150mila persone, è un settore di grande rilevanza. E per un paese che dipende prevalentemente dagli idrocarburi, tutto ciò che va verso le rinnovabili è una benedizione.

Chiediamo che non si blocchi ciò che è in itinere, di riprogrammare gli incentivi per il settore e una politica energetica a tutto tondo". Quanto alla moratoria di un anno per il nucleare decisa dal governo "siamo stanchi di tutti questi giochetti mediatici - ha detto. Occorre decidere come si sostengono le fonti alternative'' - ha concluso sollecitando il Governo in tal senso.